News
29 novembre 2018

mBraining: relazioni e decisioni migliori con i nostri tre cervelli

Di sicuro avrete incontrato nella vostra vita (se non lo siete già voi stessi!) qualcuno che ‘prende decisioni di pancia’ o che ha persone che non riesce a digerire; similmente, ci sono tante occasioni in cui una persona non può far altro che ‘seguire il proprio cuore’ senza interpellare il cervello.

Secondo recenti studi, questi modi di dire ed espressioni celano più verità di quanto ci si possa aspettare, gettando nuova luce su questo tipo di azioni che sembrano essere fatte senza consultare il cervello. In realtà, in accordo con le neuroscienze e secondo il modello dell’mBraining, sia pancia che cuore sono a loro volta dei cervelli che guidano le nostre decisioni e valutazioni con criteri differenti da quello encefalico.

Cos’è l’mBraining

mBraining sta per ‘multiple-brains’ ovvero cervelli multipli, tre per la precisione: quello encefalico con circa 100 miliardi di neuroni, quello cardiaco con circa 100mila neuroni e quello enterico (la pancia più semplicemente) con circa 500 milioni di neuroni; attraverso il nervo vago, che corre nella colonna vertebrale,  cuore e pancia ci trasmettono una grande quantità di informazioni e di sensazioni che influenzano le nostre decisioni.

Nella quotidianità cerchiamo sempre di fare scelte ragionate, ponderate, logiche, insomma di testa, ma facendo ciò rischiamo di mettere eccessivamente da parte le emozioni e i bisogni collegati alle altre due intelligenze.

Soprattutto alle volte pensiamo di aver utilizzato il cervello encefalico e invece, se prestassimo attenzione a come comunichiamo le nostre decisioni, abbiamo inconsapevolmente utilizzato altre intelligenze.  L’mBraining ci educa proprio a questo: ascoltare maggiormente se stessi, non solo comprendendo ciò che dice la testa, ma sentendo anche ciò che desidera il cuore e ciò di cui ha bisogno la pancia, per prendere decisioni in grado di mettere d’accordo (o perlomeno non scontentare)queste tre diverse intelligenze.

Non significa certo mettere da parte logica e razionalità in favore di pulsioni e istinti! Piuttosto si tratta di fare ordine dentro di sé e partire dall’ascolto di tutte le proprie parti per prendere decisioni più sagge e costruire relazioni più appaganti in linea con chi si è realmente e non con un modello ideale difficile da mantenere: cercando di ignorare o di zittire cuore e pancia, si rischia solo di essere insoddisfatti della propria vita, personale, lavorativa e affettiva. Si rischia di rinunciare alla possibilità di esprimere tutte le nostre potenzialità.

Un modello di coaching

mBraining è alla base dell’approccio al coaching creato da Grant Soosalu e Marvin Oka, che utilizza le mBIT (Multiple Brain Integration Techniques) per migliorare la vita delle persone: attraverso focusing, autoascolto, self coaching e tecniche di programmazione neurolinguistica si espande la consapevolezza di sé, di ciò che si vuole e di ciò che si sente, per guidare le proprie decisioni e azioni nella vita quotidiana.

Questo modello favorisce la comunicazione tra i tre cervelli per creare coerenza e armonia in sé, nelle relazioni con gli altri e nella complessità delle nostre vite: integrando le emozioni e le percezioni del cuore con i pensieri e la valutazione della testa, si prendono decisioni che poi possono essere messe in atto con motivazione solo grazie all’OK della pancia. La consapevolezza di sé e l’armonia tra queste tre diverse intelligenze portano maggiore soddisfazione e stimolo a tutti gli aspetti della propria vita, con benefici su:

  • Capacità decisionali
  • Problem solving
  • Gestione di stress ed emozioni
  • Motivazione
  • Efficienza nelle attività
  • Gestione di comportamenti compulsivi e vizi
  • Salute e benessere

Uno strumento straordinario per lo sviluppo della persona sia a livello personale che professionale, un modello funzionale per lavorare sulla propria consapevolezza e per migliorare la relazione e l’interazione con gli altri.

mBraining permette di migliorare la vita delle persone, tanto nella sfera privata che in quella pubblica e lavorativa.

La persona è il primo centro di valore: nelle 10 competenze chiave dei prossimi anni, l’intelligenza emotiva, insieme a quella relazionale e sociale, sarà in grado di fare la differenza nei nuovi modelli di business che la trasformazione digitale e i nuovi scenari competitivi stanno introducendo nelle nostre aziende e nei nostri stili di vita. Esseri umani con piena consapevolezza di sé non solo lavorano meglio e sono più soddisfatti, generando migliori risultati grazie a questa solidità e congruenza, ma soprattutto creano ecosistemi relazionali, team e organizzazioni più salde e meglio performanti perché in grado di gestire la relazione con l’altro in modo più congruente e centrato.

Dal punto di vista manageriale il governo sul “cosa” senza la gestione del “come” crea organismi e organizzazioni fragili sotto il peso della complessità, dell’incertezza, della velocità che ci troviamo a vivere dentro e fuori le aziende. Questa fragilità, rapportata all’esperienza e al sentire del singolo, diventa presto mancanza di prospettive, di reattività, di fiducia e di senso.

Per questo Tessa pone grande attenzione a esplorare nuovi modi e modelli per rivoluzionare la relazione e costruire valore con e per le persone, creare processi organizzativi e decisionali che sappiano integrare più risorse a nostra disposizione; questo permette di aumentare la nostra capacità di dare un orientamento alle nostre decisioni e ai nostri comportamenti attingendo a tutto il potenziale a nostra disposizione e tenendo conto dell’impatto che si può generare.

Grazie all’mBraining, i nostri cervelli multipli  ci offrono la possibilità di espandere e approfondire le nostre capacità relazionali e sociali; oltre a raggiungere una maggior congruenza ed efficacia come persone, ci offrono la grande opportunità di progettare relazioni in modo funzionale e durevole nel tempo, che si tratti di un rapporto tra persone, tra persone e organizzazioni o tra organizzazioni e mercati.

Anche questo è relation design!