News
13 Dicembre 2018

Leadership e intelligenza emotiva: intrecci e connessioni

Alla base dell’intelligenza emotiva troviamo la capacità di comprendere e interpretare le emozioni per poter prendere decisioni e intraprendere azioni che tengano conto del fattore umano, creando così un leader più empatico, consapevole ed efficace.

Per sviluppare adeguatamente le competenze di intelligenza emotiva, il modello internazionale Six Seconds® offre un solido approccio per allenarla e utilizzarla nella vita di tutti i giorni, agendo su tre aree.

Self Awareness: essere consapevoli di sé e di cosa si fa

Il punto di partenza del leader è sé stesso: solo guardandosi dentro, comprendendo i propri punti di forza e di debolezza, si può raggiungere la consapevolezza delle emozioni (proprie e altrui), dei propri schemi di pensiero e abitudini di comportamento e, in definitiva, del proprio modo di essere sé stessi. Così facendo è possibile cambiare come si pensa e come si agisce, integrando la componente emotiva nel processo decisionale: non si può capire (e quindi guidare) gli altri se non si capisce sé stessi!

A quest’area sono associate due competenze:

  • Identificare, comprendere e interpretare le emozioni;
  • Riconoscere reazioni e comportamenti che ricorrono frequentemente (sentieri emozionali).

Self Management: fare ciò di cui si è convinti

Capendo sé stessi si capisce cosa si vuole, quindi è importante sviluppare le competenze per agire nella direzione dei propri desideri e obiettivi. Il leader riesce così a definire la propria reale motivazione e la utilizza per orientare le proprie azioni: se con la Self Awareness capisce cosa deve cambiare, con il Self Management capisce come cambiare.

A quest’area sono associate tre competenze:

  • Valutare costi e benefici delle proprie scelte (pensiero sequenziale);
  • Usare le emozioni come risorse strategiche;
  • Trovare la motivazione intrinseca (valori personali e impegno).

Self Direction: agire per uno scopo

Condividere e, soprattutto, far appassionare gli altri alla visione del leader è il passo fondamentale per cambiare davvero qualcosa nel significato del lavoro quotidiano.

A quest’area sono associate due competenze:

  • Sviluppare l’empatia;
  • Perseguire obiettivi eccellenti attraverso azioni quotidiane collegate tra loro.

Chi si è, come e perché si agisce: collegando queste tre aree si raggiunge una maggiore consapevolezza di sé e degli altri, per guidare le proprie e altrui azioni nel perseguire obiettivi importanti per la propria vita personale e lavorativa.

L’intelligenza emotiva permette di ridefinire il leader, in una figura in grado di far emergere le proprie qualità e quelle del proprio team.